-
Ippodromo Cesena
Gioco Sicuro

Il gioco è vietato ai minori e può causare dipendenza patologica
Per regolamenti, condizioni bonus e probabilità di vincita: www.agenziadoganemonopoli.gov.it e presso ippodromo.

Concessione n. 00106

CAMPIONATO EUROPEO - TROFEO HERA IN PILLOLE

PROBO OP
Tra i beniamini del pubblico italiano, l’uno in apertura sembra una trappola, il dodici nella seconda prova un severo impegno. Ad Edy Moni il complesso compito di dirigerlo al meglio.
STANDOUT
Potrebbe essere come “l’oggetto misterioso” questo allievo di Melander/Bondo, che  ritrova Andreghetti dopo un’infruttuosa trasferta francese. Alla prima prova esibisce un numero favorevole, alla seconda il compito pare improbo. Il suo team esibisce calma olimpica e fiducia in ottica risultato. Sorpresa.
ROXANNE BAR
La “francese” di casa Stecca sale a Cesena con marginale chance di primato ma con due atout da sfruttare: il sorteggio non disprezzabile alla prima prova e la guida grintosa di Tommaso Di Lorenzo.
RANIA LEST
La statuaria sorella del famoso Pascià trova in Santo Mollo un interprete d’eccezione per valorizzare al meglio il 4 nel prologo e giocarsi un bel pezzo di Campionato nel prosieguo, la forma è al top.
OLONA OK
La Derby winner si tira a lucido in occasione dei grandi appuntamenti, sulla carta è un outsider ma Gaetano Di Nardo è driver di sostanza ed un posto nel marcatore pare in cassaforte.
ROMBO DI CANNONE
Questo figlio di Varenne dal nome minaccioso, non è stato aiutato dal sorteggio, ma il valore aggiunto del suo Europeo si chiama Gabriele Gelormini, l’astro nascente del trotto europeo che ne condividerà le sorti mirando alla finalissima delle 24.00.
ORSIA
Solida campionessa che sta vivendo una seconda giovinezza grazie al professionale training di Massimo Finetti. Con Antonio di Nardo nel ruolo di re mida delle redini lunghe tricolori, per lei l’obiettivo è il race off.
POGGIO
Progredito di mese in mese sino alle soglie dell’eccellenza, il palermitano sale in Continente per respirare aria di sfide classiche a magari puntare al marcatore, più nella seconda prova che nella prima.
ONEGHIN DEL RONCO
Miglior attore protagonista dell’inverno sulle piste italiane, rientra alle gare con immaginabile circospezione. All’esordio Minnucci dovrà studiare qualche contromossa dalla seconda fila, nella prova successiva cercherà la corda e magari un colpo da campione.
OSASCO DI RUGGI
Il vincitore del 2014 sembra lontano dalla miglior forma, ma l’aver accettato di difendere il titolo sembra un buon viatico per le ambizioni del maturo allievo del duo Ehlert/Vecchione, il cui sorteggio pare equilibrato in entrambe le manche.
NAPOLEON BAR
Altro serio candidato al race off che si giocherà tutto in seconda serata fidando nell’eccellente collocazione al post due. Bellei è il punto di forza sul quale contare in ottica vittoria per uno dei migliori indigeni del nuovo millennio
NEWYORK NEWYORK
Tornato ad eccellenti livelli dopo qualche traversia, merita la convocazione in virtù di un’estate in continua crescita, fuori corsa nella prima, coltiva una speranza con l’uno nella prova successiva pur restando un outsider.

> Torna Indietro