-
Ippodromo Cesena
Gioco Sicuro

Il gioco è vietato ai minori e può causare dipendenza patologica
Per regolamenti, condizioni bonus e probabilità di vincita: www.agenziadoganemonopoli.gov.it e presso ippodromo.

Concessione n. 00106

GP RICCARDO GRASSI 2018 -SABATO 7 LUGLIO: PRESENTAZIONE E PARTENTI

Gran Premio RICCARDO GRASSI
trofeo Romagna Iniziative  


                            PARTENTI               
L’estate dell’ippodromo del Savio subisce una prepotente accelerazione  con l’avvento nel calendario del Gran Premio Riccardo Grassi, appuntamento di spicco per titolati anziani, che sabato 7 luglio colloca Cesena e la sua magica pista di velluto ai vertici internazionali grazie ad un Albo D’Oro di primordine e ad un’edizione 2018 dall’elevato rating tecnico. Una lunga carrellata di nomi prestigiosi caratterizza la storia del miglio cesenate, epopea nella quale trovano ampio spazio due yankee dalla ricca carriera italiana come Lighting Larry, che nel 1975 aprì la suite dei vincitori con in sediolo il talentuoso Edy Gubellini e come lo stacanovista Waymaker, ma come dimenticare il sorprendente apolide di nascita olandese Unforgettable e soprattutto gloriose giumente indigene, che da Danzica, (1976) a Tamure Roc ( 2017) hanno tinto di rosa la corsa attingendone anche al record, che con  1.11.9 è detenuto dal luglio 2016  dall’instancabile Peace Of Mind e dal suo interprete, Roberto Vecchione.
Un autentico parterre de roi illumina la Riviera Romagnola ed il Grassi  2018, con il dominatore dello scorso Campionato Europeo, Timone Ek,  in pista nella sua rinnovata veste agonistica che vedrà il team Gocciadoro gestirne le gesta atletiche e puntare con decisione alla vittoria, dopo un primo scorcio d’annata più ricco di ombre che di luci. Notevole la concorrenza per il sette anni di casa Lettieri , sino a qualche mese fa il miglior esponente della pattuglia tricolore nel circus classico europeo, ed ora atteso al riscatto da agguerriti avversari come Uragano Trebì, il vincitore del Città di Cesena 2017 ed altro pluripremiato campione che cerca la vittoria dopo piazzamenti di rilievo sempre in coppia con il califfo delle redini lunghe Roberto Vecchione, oppure Suerte’s Cage, grintoso allievo del team Casillo/Bellei , alla ricomparsa  dopo lo stop seguito al quarto posto nel modenese Orlandi, ma senza dimenticare  il giramondo Toseland Kyu,  tricolore di nascita e francese d’adozione, che Vp Dell’Annunziata porterà in corsa mirando razionalmente al podio senza però abbandonare sogni di gloria nelle corde del dominatore di un Freccia D’Europa vinto al personale di 1.11.3. A cotanti nomi e ai rispettivi palmares risponde il brillante performer Tango Negro, globetrotter per eccellenza nato dal connubio vincente Zenzalino/Allevamento di Vergiano,  forgiato in Svezia da Jerry Riordan ed in vista tra Scandinavia, Francia ed Italia, dove è tornato per stabilirsi presso Holger Ehlert che lo affida all’esperto Giuseppe Lombardo Jr, mentre è un gradito ritorno quello di Pietro Gubellini e di Turno di Azzurra, genio e sregolatezza il primo, professionale e ad alto tasso di rendimento il secondo, pronti a ricomporre  un binomio che può ambire al piano nobile del podio cesenate. Nomi nuovi a livello d’elite affollano la seconda fila, con Tarantella Ferm di nuovo in scena dopo aver sorprendentemente vinto il Federnat 2018 in coppia con l’amazzone Elena Bruniera e per il training di Alessandro Raspante, la quale sarà accompagnata per l’occasione  da un esordiente o quasi come Maurizio Visco, mentre per Ultras Grif ed Andrea Vitagliano la vetrina cesenate è il premio ai continui progressi dello statuario cinque anni da Classic Photo e alla professionale continuità del trainer campano, con lo scandinavo Deimos Racing pronto ad esibire la sua proverbiale generosità ed inseguire il marcatore con l’idolo di casa,  Roberto Andreghetti, in qualità  ispirato partner. Outsider dalla forma in continuo e confortante divenire è Tayler Di Pippo, da qualche tempo tra gli effettivi di Natale Cintura ed nel contesto poco aiutato dalla collocazione tattica, la stessa che però non sembra preoccupare il tredicenne Lotar Bi, la seconda proposta di Alessandro Raspante che salirà  personalmente in sediolo al suo beniamino, recente vincitore sulla pista cesenate con la quale continua a mantenere da anni  un eccellente feeling. The last but not least una considerazione di carattere tecnico non scevra da note di colore  che evidenziano  le duplici proposte messe  in campo dal teutonico Holger Ehlert, leggi Tango Negro e Uragano Trebì, dal Danese Erik Bondo, vedi Turno Di Azzuura e Deimos Racing e dal siculo Alessandro Raspante, Tarantella Ferm e Lotar Bi, mentre in una virtuale classifica relativa al nuovo millennio, ben tre le vittorie per Enrico Bellei, 2004/2006/2008, due a testa invece  i sigilli di Gubellini , 2000/2011, Vecchione 2014/2016 ed Andreghetti, 2001/2007.



 

> Torna Indietro