-
Ippodromo Cesena
Gioco Sicuro

Il gioco è vietato ai minori e può causare dipendenza patologica
Per regolamenti, condizioni bonus e probabilità di vincita: www.agenziadoganemonopoli.gov.it e presso ippodromo.

Concessione n. 00106

RESOCONTO DELLE CORSE DI SABATO 28 GIUGNO

Resoconto Premio CENTRALE DEL LATTE DI CESENA – Corsa Tris –

 
Il primo Tqq dell’estate va a Play Dancer

Una Tris – Premio Centrale del Latte di Cesena - dall’intricata trama tattica programmata sulla breve distanza, ha proiettato il trotter romagnolo in cima al palinsesto nazionale, con quindici soggetti appartenenti alla generazioni 2008 e 2009 impegnati in un contesto equilibrato e privo di soggetti palesemente favoriti. Alle 22.30, la corsa che ha premiato la forma di scuderia della famiglia Porzio, con Play Dancer e un lucido Giuseppe Porzio jr vincitori in 1.15.6 dopo aver dribblato avversari in debito d’ossigeno e trappole tattiche lungo i due giri di pista,  Okayama Rr seconda dopo che Marco Basile aveva cullato sogni di gloria per l’ingresso solitario in retta d’arrivo e terzo Pedro Almodovar, diligente nel suo seguire le mosse del vincitore con Maurizio Visco in sediolo. Oivitamia Au e Polipo Jet hanno completato il marcatore ma non evitato che quartè e quintè andassero ad arricchire futuri jackpot, mentre il terno ippico ha premiato con oltre 3000 Euro i ticket vincenti. 
 
Il resoconto delle altre corse:
Il primo vincitore targato Cesena 2014 è una femmina, Saetta Dei Venti, Lorenzo Baldi il suo interprete, papà Giancarlo il trainer, 1.16.4 la brillante media al chilometro, figlia del match tra un dispersivo Segunto e l’iniziale leader, nonché favorito Stiaccino Jet, che ha visto entrambi finire  ai margini dello schieramento finale con Sirio Da Barco e Shakira Maio nei panni dei valletti alla giumenta di origini toscane, po, testimone ai gentleman e tattica conservativa a premiare il sempre bravo Michele Canali ed il finisseur Socrate Gso a segno in 1.18.7, mentre un intempestivo Zaccherini ha costretto il suo Sting Starlight ad un oneroso percorso al largo della labile Sabrina, proiettata in avanti da Vittorio Miniero e poi  terza all’epilogo. Una rottura a vittoria ormai raggiunta ha escluso dall’ordine d’arrivo della terza corsa l’ottima Renilkam, a vantaggio di Rogito Di Azzurra e Antonio Porzio preminenti di misura in 1.16.7  su Roggia Rl, mentre Rosaspina Om ha completato il podio. Alla quarta ancora cadetti e successo per dispersione da parte di Rolex Winner che in 1.14.2 e sotto l’accorta regia tattica di Francesco Virzì ha sbaragliato il campo dominando su Radiosa Tab e Rumeno Jet. Dopo le emozioni legate alla tris, asticella della qualità in alto con il sopraggiungere della sesta corsa: sfida scelta dal vincitore dell’Europeo 2010, Looney Tunes per bagnare il ritorno alle competizioni, ma una partenza non velocissima da quota meno venti ha reso improbo il compito del vecchio fighter ora in training a Vitagliano. Ortensia Pit è stata lepre intangibile nelle mani di Maurizio Cheli e Orlando Blue a precede Mombasa Bi nel ruolo di eccellente runner up della sei anni di Sonia Galanti. Gentleman ad inseguire il pass per il Trofeo Delle Regioni e vittoria da “califfo” per Matteo Zaccherini, improvvido interprete di Sting Starlight alla seconda e bravo a riscattarsi in sulki a Plouzeve de Allez, dopo aver accordato il free way a One Arrow Gar e Filippo Monti per passare a metà retta e vincere di quattro lunghezze mentre Michele Canali ha confermato sapienza tattica portando Lincol Dei Veltri sul terzo gradino del podio. In chiusura, doppio per Virzì grazie alla compatta Saftig Dvm, leader incontrastata che ha lasciato a margine Sveva Felg e Safety Car Ur.
 
Confermato il successo di pubblico per la presenza dello chef Alessandro Borghese ospite dell’ippodromo del Savio e presente al Ristorante Trio per illustrare la realizzazione di un menu ideato per l’occasione.
Dopo aver dettagliatamente spiegato i vari passi delle ricette al microfono dei giornalisti Paolo Morelli e Claudia D’Angelo, lo chef ha incontrato i suoi fan, per la maggior parte giovanissimi. Segno che la cucina è un’arte sempre più amata anche dalle giovani generazioni.
 
  

> Torna Indietro